Seguici su:

Contributi Regionali
Start up innovative 2018: Contributo a Fondo Perduto 60%

Start up innovative 2018: Contributo a Fondo Perduto 60%

EMILIA ROMAGNA: avvio, insediamento e sviluppo di PMI dei settori dell’alta tecnologia e ad alto contenuto innovativo per nuove iniziative volte a promuovere ricambio e diversificazione nel sistema produttivo.

A chi si rivolge:

Il bando si rivolge alle piccole e micro imprese regolarmente costituite.

  • Per i progetti di avvio di attività (tipologia A) possono presentare domanda le imprese costituite successivamente al 1° gennaio 2015
  • Per i progetti di espansione di start up già avviate (tipologia B) possono presentare domanda le imprese costituite dopo il 2 luglio 2013

Le imprese devono avere l'unità locale in cui si realizza il progetto imprenditoriale in Emilia-Romagna con codice ATECO primario dell’unità locale rientrante tra quelli individuati nella Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente con riferimento alle priorità A, B e D.

Contributo:

L’agevolazione prevista nel presente bando consiste in un contributo a Fondo Perduto del 60% della spesa ritenuta ammissibile.

Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare gli importi di seguito indicati:

- 100.000,00 € per la TIPOLOGIA A;

- 250.000,00 € per la TIPOLOGIA B.

I progetti imprenditoriali dovranno prevedere un costo totale ammissibile non inferiore a:

TIPOLOGIA A - Avvio

Sviluppo produttivo di risultati di ricerca o sviluppi tecnologici: 80.000,00 €

Applicazioni digitali avanzate nelle industrie culturali e creative, nell’innovazione sociale, nei servizi ad alta intensità di conoscenza: 50.000,00 €

TIPOLOGIA B - Espansione

Sviluppo produttivo di risultati di ricerca o sviluppi tecnologici: 150.000,00 €

Applicazioni digitali avanzate nelle industrie culturali e creative, nell’innovazione sociale, nei servizi ad alta intensità di conoscenza: 80.000,00 €

Scadenza:

alle ore 10.00 del 02 luglio 2018 alle ore 17.00 del 15 novembre 2018

Spese ammesse:

Per gli interventi di tipologia A sono ammessi costi riguardanti:

  • macchinari, attrezzature, impianti, hardware e software, arredi strettamenti funzionali;
  • affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche (massimo 20% del costo totale
  • del progetto);
  • acquisto e brevetti, licenze e/o software da fonti esterne;
  • spese di costituzione (max 2.000 euro);
  • spese promozionali anche per partecipazione a fiere ed eventi (massimo 25.000,00 €);
  • consulenze esterne specialistiche non relative all’ordinaria amministrazione.

Per gli interventi di tipologia B sono ammessi costi riguardanti:

  • acquisizione sedi produttive, logistiche, commerciali. Le imprese con sede legale esterna alla Regione Emilia-Romagna potranno acquistare solo sedi produttive nel territorio regionale (max 50% costo);
  • macchinari, attrezzature, impianti, hardware e software, arredi strettamente funzionali;
  • spese di affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche (massimo 20% del costo totale del progetto);
  • acquisto e brevetti, licenze e/o software da fonti esterne;
  • spese promozionali anche per partecipazione a fiere ed eventi (massimo 10% del costo totale del progetto);
  • consulenze esterne specialistiche non relative all’ordinaria amministrazione.

Finalità:

Promuovere e far crescere start up in grado di generare nuove nicchie di mercato attraverso nuovi prodotti, servizi e sistemi di produzione ad elevato contenuto innovativo, cogliere i nuovi drivers del mercato, generare nuove opportunità occupazionali.

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIÙ

Potrebbe interessarti anche...