Seguici su:

Contributi Regionali
Emilia Romagna Agevolazioni per le imprese in ambito turistico

Agevolazioni per le imprese in ambito turistico-ricettivo-ricreativo

EMILIA ROMAGNA - Contributi a Fondo Perduto fino al 25% e Fondo di contro-garanzia regionale per promuovere la riqualificazione dell’offerta turistica - ricettiva e ricreativa della regione.
 

Destinatari:

Possono presentare la domanda di finanziamento:

  • le strutture ricettive alberghiere 
  • le strutture ricettive all’aria aperta
  • gli stabilimenti balneari e strutture balneari. 
  • gli stabilimenti termali 
  • locali di pubblico intrattenimento per l’intrattenimento danzante con carattere di stabilità (discoteche)

Contributo:

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO

A fronte della realizzazione degli investimenti agevolabili ai sensi del presente bando è riconosciuto un contributo a fondo perduto nelle seguenti misura percentuali:

  • - 20% delle spese ritenute ammissibili nel caso di applicazione del Regime de Minimis; Contributo massimo 200.000,00 euro
  • - 10% delle spese ritenute ammissibili nel caso di applicazione del Regime di Esenzione a favore delle medie imprese; Contributo massimo 210.000,00 euro
  • - 20% delle spese ritenute ammissibili nel caso di applicazione del Regime di Esenzione a favore delle micro e piccole imprese. Contributo massimo 210.000,00 euro

Il contributo a fondo perduto potrà essere incrementato del 5% nel caso in cui ricorrano uno o più dei requisiti premianti :

  • - rilevanza della presenza femminile e/o giovanile;
  • - l’attività è localizzata nelle aree montane
  • - l’attività è localizzata nelle aree dell’Emilia-Romagna comprese nella carta nazionale degli aiuti di stato a finalità regionale (c.d. AREE 107. 3. C). 

ACCESSO AL CREDITO

Acceso al credito, attraverso la creazione di un Fondo di contro-garanzia regionale in base al quale, attraverso i Consorzi Fidi del settore, Cassa Depositi e Prestiti possa essere garantito il finanziamento dei progetti di investimento dei privati.

Interventi finanziabili:

  •  interventi di riqualificazione e/o ristrutturazione edilizia, ampliamento e/o ammodernamento di strutture o immobili esistenti situati nel territorio della Regione Emilia-Romagna nei quali viene svolta una delle attività ricettive o turistico-ricreative ammissibili;
  • interventi di riqualificazione aziendale delle attività ammissibili, con particolare riferimento al rinnovo degli arredi, delle attrezzature e dei sistemi di gestione;

I progetti per i quali viene presentata domanda di contributo dovranno avere le seguenti dimensioni di investimento:

  • una spesa non inferiore a € 100.000,00 esclusa IVA, per quanto riguarda gli interventi relativi alle strutture ricettive alberghiere, le strutture ricettive all’aria aperta e agli stabilimenti termali;
  • una spesa non inferiore a € 80.000,00 esclusa IVA, per quanto riguarda gli interventi relativi agli stabilimenti e strutture balneari e ai locali di pubblico intrattenimento.

Spese ammesse:

Le spese ammissibili ai sensi del presente bando, che devono essere pertinenti e funzionali all’esercizio dell’attività, sono le seguenti:

  • a) spese per opere edili, murarie e impiantistiche;
  • b) spese per l’acquisto di macchinari, attrezzature, impianti opzionali, finiture e arredi;
  • c) spese per l’acquisto di dotazioni informatiche, hardware, software e relative licenze d’uso, servizi di cloud computing, per la realizzazione di siti per l’e-commerce;
  • d) spese per l’acquisto o allestimento di mezzi di trasporto per i quali la normativa vigente non richieda l’obbligo di targa ai fini della circolazione;
  • e) spese per l’acquisizione di servizi di consulenza strettamente connessi alla realizzazione dei progetti, comprese le spese relative alle attività di progettazione, direzione lavori e collaudi, e/o necessari per la presentazione delle domande (Tali spese sono ammesse nella misura massima del 10% della somma delle spese di cui alle lettere a+b+c+d).

Periodo di ammissibilità delle spese:

1° FINESTRA - le spese sono considerate ammissibili:

  • in caso di applicazione del Regime de Minimis: dal 1° gennaio 2019 ed entro 10 mesi decorrenti dalla data di adozione del provvedimento di concessione del relativo contributo;
  • in caso di applicazione del Regime di Esenzione: dalla data di presentazione della domanda di contributo ed entro 10 mesi decorrenti dalla data di adozione del provvedimento di concessione del relativo contributo;

 

2° FINESTRA - le spese sono considerate ammissibili:

  • dal 1° gennaio 2020 indipendentemente dal regime di aiuto prescelto ed  entro 10 mesi decorrenti dalla data di adozione del provvedimento di concessione del relativo contributo e, comunque, entro e non oltre la data del 31 dicembre 2020.

Finalità:

È stato inserito nella legge di bilancio approvata dall’Assemblea legislativa la settimana scorsa, il nuovo strumento che intende promuovere la riqualificazione dell’offerta turistica della regione, e in particolare innalzare il livello di qualità, l’innovazione e il potenziamento delle strutture ricettive e turistico-ricreative di tutta l’Emilia-Romagna.  

L’obiettivo, attraverso un bando pubblico, è sostenere le imprese per realizzare progetti di riqualificazione e potenziamento delle strutture attraverso una combinazione di incentivi sullo stesso investimento.

La misura intende favorire e incentivare l’insediamento e/o lo sviluppo delle attività ricettive e turistico-ricreativo dell’Emilia-Romagna tramite il finanziamento, con contributi a fondo perduto, di interventi di riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo delle attrezzature.

Scadenza:

1° FINESTRA: dalle ore 10.00 del giorno 17 luglio 2019 alle ore 13.00 del giorno 13 agosto 2019;

2° FINESTRA: dalle ore 10.00 del giorno 15 ottobre 2019 alle ore 13.00 del giorno 3 dicembre 2019

 

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIÙ

Potrebbe interessarti anche...