Seguici su:

Contributi Regionali
Post Sisma: ricerca industriale e rilancio economico

Post Sisma: ricerca industriale e rilancio economico

EMILIA ROMAGNA - Contributo a Fondo Perduto fino al 50% per sostenere l’attività di ricerca industriale delle piccole e medie imprese e favorire il rilancio economico nei settori più colpiti dal sisma

A chi si rivolge:

il bando è destinato a PMI dei settori:

  • biomedicale e industrie della salute
  • meccatronica e motoristica
  • agroalimentare
  • ceramica
  • costruzione Ict e prodotti multimediali
  • moda

Aventi sede nei 30 comuni che compongono l’area definita “cratere ristretto” de sisma 2012, cosi identificati:

  • 4 nel bolognese: Crevalcore, Galliera, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto; 
  • 6 nel ferrarese: Bondeno, Cento, Ferrara, Mirabello-Sant’Agostino, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda; 
  • 15 nelmodenese: Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero, Soliera;
  • 5 nel reggiano: Fabbrico, Guastalla, Luzzara, Reggiolo, Rolo.

Contributo:

Le agevolazioni sono così concesse:

  • contributo a fondo perduto del 50% per le attività di ricerca industriale
  • contributo a fondo perduto del 25% per le attività di sviluppo sperimentale.

il contributo sarà aumentato rispettivamente al 60% e 35% nel caso in cui il beneficiario assuma a tempo indeterminato, nell’unità locale dove si svolge il progetto, almeno 1 ricercatore nel caso di micro o piccola impresa o 2 ricercatori nel caso di media impresa.

La dimensione minima dei progetti ammessi a finanziamento è di 100 mila euro e non deve essere superiore a 500 mila euro, per un contributo massimo di 200 mila euro. 

Scadenza:

A sportello: dal 13 maggio al 12 giugno 2019.

Spese ammesse:

 

Finalità:

Nel bando si promuove l’avanzamento tecnologico dei prodotti e la diversificazione produttiva.

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIÙ

Potrebbe interessarti anche...