Seguici su:

Contributi Regionali
Progetti di innovazione: 50% a fondo perduto per PMI Emilia Romagna

Progetti di innovazione: 50% a fondo perduto per PMI

EMILIA ROMAGNA - La Regione Emilia Romagna finanzia progetti di diversificazione di prodotto e servizio o innovazione tramite l'acquisto di servizi specialistici per le PMI con contributo a Fondo Perduto del 50%.

A chi si rivolge:

Possono presentare domanda singole imprese esclusivamente PMI aventi:

 sede operativa, in termini di unità locale produttiva ove svolgere il progetto, in Emilia-Romagna;

 bilancio approvato riferito al 2018 per le società di persona, e depositato alla competente Camera di Commercio invece per le altre tipologie di società, alla data di presentazione della domanda;

Per unità locale produttiva, che deve risultare regolarmente censita presso la CCIAA di competenza, si intende un immobile, destinato ad usi industriali o artigianali, in cui l’impresa realizza abitualmente attività di produzione di beni o servizi e in cui sia stabilmente collocato il personale e le attrezzature che sfrutteranno i servizi acquisiti con il progetto.

Contributo:

Il contributo a fondo perduto è pari al 50% delle spese ammissibili. 

Scadenza:

 ore 10.00 del lunedì 18 novembre 2019 e le ore 13.00 del mercoledì 18 dicembre 2019

Spese ammesse:

I progetti di innovazione e diversificazione devono riguardare la realizzazione di progetti che comportino almeno una delle seguenti azioni:

  • ampliamento della gamma dei prodotti e/o servizi o la loro significativa ridefinizione tecnologica e funzionale in senso innovativo
  • introduzione di contenuti e processi digitali e di innovazione di servizio in grado di modificare il rapporto con clienti e stakeholder
  • la ricaratterizzazione dei prodotti e dei servizi verso le esigenze di sostenibilità ambientale, inclusione e qualità di vita, cultura e società dell’informazione.

I progetti devono basarsi sull'acquisto dei seguenti servizi:

  • consulenze tecnologiche e di ricerca, studi e analisi tecniche;
  • prove sperimentali, misure, calcolo;
  • progettazione software, multimediale e di componentistica digitale;
  • design di prodotto/servizio e concept design;
  • stampa 3D di elementi prototipali;
  • progettazione impianti pilota.

Il progetto deve avere un costo che va da un minimo di € 20.000 a un massimo di  € 80.000

Il 40% del valore dei contratti di fornitura deve essere stipulato con i seguenti soggetti:

  • Laboratori di ricerca e centri per l'innovazione;
  • Università e altre istituzioni di rango universitario, anche del campo artistico, enti pubblici di ricerca, organismi di ricerca così come definiti dalla vigente disciplina comunitaria in materia di aiuti di stato a favore della ricerca e sviluppo e dell'innovazione;
  • Start-up innovative e PMI innovative.

I progetti devono svolgersi nel corso dell'anno 2020.

Finalità:

Il presente bando si rivolge alle piccole e medie imprese impegnate in percorsi di innovazione tecnologica e diversificazione dei propri prodotti e/o servizi, in particolare con l'obiettivo di accrescere la quota di mercato o di penetrare in nuovi mercati. L'intervento mira in particolare a sostenere quelle imprese che necessitano di acquisire all'esterno i servizi innovativi necessari e le competenze per completare, anche dal punto di vista manageriale, i processi di innovazione per la loro introduzione sul mercato.

I progetti dovranno contribuire all’attuazione della Smart Specialization Strategy e pertanto dovranno essere coerenti con gli ambiti tematici identificati nelle priorità A (Agroalimentare, Edilizia e Costruzioni, Meccatronica e Motoristica), B (Industrie della Salute e del Benessere, Industrie Culturali e Creative) e D (Innovazione nei Servizi). Saranno considerate con particolare favore le innovazioni a carattere intersettoriale e interdisciplinare.

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIÙ

Potrebbe interessarti anche...