Seguici su:

FAQ - Domande Frequenti

Infomedia - Contributi Regionali Nazionali ed Europei a Fondo Perduto
Cos'è l'imprenditoria femminile?

Cos'è l'imprenditoria femminile?

Cos'è l'imprenditoria femminile?

Con il termine “imprenditoria femminile” si intendono tutte quelle attività che sono a titolarità femminile o nelle quali la compagine sociale sia a maggioranza femminile.

Purtroppo nel nostro Paese le donne faticano ad entrare nel mondo del lavoro, e quando ci riescono sono ancora poche quelle che occupano posti di prestigio e responsabilità; però, allo stesso tempo, sta crescendo il numero di donne che decide di avviare un’attività imprenditoriale, in proprio o in società con altri, nei settori più svariati.

E’ per questo motivo che nel 1992 vengono introdotti degli strumenti ad hoc per le donne che vogliono mettersi in proprio. In particolare la Legge 215 del 1992, denominata “Azioni positive per l'imprenditoria femminile” stabilisce che le disposizioni sono dirette a:

a) “a favorire la creazione e lo sviluppo dell'imprenditoria femminile, anche in forma cooperativa;

b) promuovere la formazione imprenditoriale e qualificare la professionalità delle donne imprenditrici;

c) agevolare l'accesso al credito per le imprese a conduzione o a prevalente partecipazione femminile;

d) favorire la qualificazione imprenditoriale e la gestione delle imprese familiari da parte delle donne;

e) promuovere la presenza delle imprese a conduzione o a prevalente partecipazione femminile nei comparti più innovativi dei diversi settori produttivi”.

Vi sono poi anche diverse iniziative a livello comunitario per il sostegno dell’imprenditorialità femminile, come i finanziamenti europei rientranti nella categoria FSE (Fondo Sociale Europeo). Si tratta di azioni mirate a combattere la disoccupazione, sviluppando le risorse umane e promuovendo l’integrazione sociale nel mercato del lavoro.

Infomedia - Contributi Regionali Nazionali ed Europei a Fondo Perduto