Seguici su:

Contributi Regionali

LOMBARDIA - FONDO PERDUTO PER LE NUOVE IMPRESE

ARCHE' - Fondo perduto per le nuove realtà imprenditoriali lombarde con particolare attenzione alle start up culturali, creative e innovative

A chi si rivolge:

Micro, piccole, medie imprese e liberi professionisti, in forma singola o associata, con sede in Lombardia. Le imprese devono essere iscritte al Registro Imprese ed essere attive da un minimo di 12 mesi fino a 4 anni massimo.

Sono escluse dall’agevolazione le MPMI e liberi professionisti che svolgono attività prevalente relativa ai seguenti codici Ateco: A “Agricoltura, silvicoltura e pesca”; B “Estrazione di minerali da cave e miniere”; K “Attività finanziarie e assicurative”; L “Attività immobiliari”; O “Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria”; R.92 “Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco”; U “Organizzazioni ed organismi extraterritoriali”.

Una riserva delle risorse finanziarie, pari a 2.400.000 €, è destinata alle start up culturali e creative, con le seguenti caratteristiche:

  • attività culturali “core”: arti visive, arti performative (spettacolo dal vivo), patrimonio culturale (musei, archivi, biblioteche, complessi monumentali) –  codici Ateco sezioni R.90, R.91
  • industrie culturali: editoria (comprese le sue declinazioni multimediali), musica, radio-televisione, cinema e videogiochi (incluse le imprese dell’economia digitale) – codici Ateco sezioni J.58, J59, J60, J.62, J.63.12, J.63.9, C18.1
  • industrie creative: architettura, design (varie forme e declinazioni relative a design di prodotto, design di comunicazione, moda) e pubblicità – codici Ateco sezioni M71, M73.1, M74

Una riserva di 3.000.000 € è destinata alle start up innovative iscritte nella sezione speciale del Registro delle Imprese.

Contributo:

Contributo a fondo perduto fino al 50% della spesa ritenuta ammissibile e comunque nel limite massimo di 75.000 euro. L'investimento minimo è pari a 30.000 euro.

Scadenza:

Dal 11 al 18 settembre

Spese ammesse:

Le spese ammesse devono essere successive alla data del 18 agosto 2020 e riguardano:

  • costi di affitto per la durata del progetto di sedi produttive, logistiche, commerciali all’interno del territorio regionale (escluso leasing), utilizzo di spazi di lavoro esclusivo o condiviso all’interno di strutture di supporto quali incubatori, acceleratori, spazi di coworking, servizi accessori;
  • servizi di Advisory con il compito di accompagnare le start up nella fase di consolidamento;
  • adeguamento dell’impiantistica generale, solo se correlata all’installazione dei beni oggetto dell’investimento, e gli interventi strutturali all’impianto di aerazione solo se finalizzati al miglioramento della struttura sanitaria;
  • acquisto e leasing di impianti, macchinari, attrezzature (escluso beni usati);
  • acquisto di software, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud e saas e simili, brevetti e licenze d’uso sulla proprietà intellettuale;
  • certificazioni di qualità, deposito marchi e registrazione brevetti;
  • strumenti e macchinari per la sanificazione e la disinfezione degli ambienti aziendali e sistemi di misura della temperatura corporea a distanza, anche con sistemi di rilevazione biometrica;
  • servizi di consulenza esterna specialistica (legale, fiscale) non relativa all’ordinaria amministrazione;
  • spese forfettarie.

Finalità:

Sostenere le nuove realtà imprenditoriali lombarde verso un futuro più competitivo, innovativo e tecnologico.

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIÙ

Tags: fondo perduto Conto capitale nuove imprese liberi professionisti piccole imprese STARTUP